Spostare i denti. Quali forze applicare.

L’ortodontista, tra le tante cose, deve conoscere a perfezione il metabolismo osseo in rapporto all’età e a particolari condizioni del paziente. Lo spostamento del dente avviene grazie all’applicazione di forze compressive (distruzione ossea) e di trazione (riparazione ossea).

Forze deboli sono inefficaci, forze eccessive possono causare un accorciamento della struttura del dente (rizalisi compressiva). I tempi di ortodonzia dell'adulto sono necessariamente lunghi proprio per evitare danni ossei, dentali e parodontali dovuti a variazioni veloci nella posizione dei denti.

Area Riservata