Collaborazione tra gnatologo e ortodontista

Estetica - Centro Odontoiatrico  Mazzocco RomaQuando c’è necessità di raddrizzare i denti in pazienti adulti affetti da malocclusioni, abbiamo due condizioni distinte e separate: pazienti con sintomi disfunzionali (sintomi articolari, muscolari e dolori cranio-facciali), e pazienti che affrontano il trattamento ortodontico con motivazioni prevalentemente estetiche.

Nel primo caso c’è bisogno di una stretta collaborazione tra gnatologo, ortodontista, protesista ed osteopata. Le malocclusioni possono essere primitive in soggetti giovani che decidono di ripristinare una corretta occlusione, oppure secondarie, in soggetti adulti. Le malocclusioni secondarie più frequenti sono quelle successive a trattamenti ortodontici o protesi mal eseguite, oppure estrazioni di denti non sostituiti. In tutte le malocclusioni è essenziale distinguere quelle disfunzionali da quelle normofunzionali.

In >ortodonzia (dell'adulto e del bambino), uno degli elementi più importanti, una volta realizzato l'obiettivo terapeutico, è quello di stabilizzare il risultato el tempo. La contenzione eseguita con taluni dispositivi (fissi o mobili) è lo strumento più usato dai buoni ortodontisti, ma un altro sistema molto efficace è un molaggio selettivo che è appannaggio dello gnatologo.

Nel nostro centro, per il trattamento delle malocclusioni, c’è una grande attenzione e una proficua collaborazione di specialisti quali gnatologo, protesista, osteopata e ortodontista.

Contatta il Dr. Mauro Mazzocco per maggiori informazioni

Area Riservata